Arbures matas erbas : piante tra natura e tradizione nella civiltà agropastorale della Sardegna / Sergio Campus, Emanuela Campus

25,00 €
Tasse incluse

Titolo: Arbures matas erbas : piante tra natura e tradizione nella civiltà agropastorale della Sardegna / Sergio Campus, Emanuela Campus ; collaborazione di Costantina frau ; fotografie di Sergio Campus e Salvatore Colomo

Pubblicazione: Nuoro : Editrice archivio fotografico sardo, 2008

Descrizione fisica: 255 p . : ill. ; 27 cm.

Collezione: Un'isola di tradizioni

Quantità
Disponibilità immediata

 

Politiche per la sicurezza

 

Politiche per le spedizioni

 

Politiche per i resi merce

Gli autori si sono serviti dell’apporto delle nonne e dei nonni, che hanno vissuto quando la terra si arava con l’aratro a buoi, si filavano e si tessevano le fibre vegetali, si utilizzavano gli attrezzi di legno, ci si svagava con strumenti di canna, di sughero e di ferula e si curavano i disturbi con decotti ed impacchi fatti con le erbe spontanee, che spesso si utilizzavano anche nell’alimentazione, quando si badava più alla genuinità del cibo, che alla quantità. La loro esistenza era molto frugale, si mangiava per vivere e non sempre si aveva il necessario ed i vegetali avevano un ruolo importante, in quanto si utilizzavano le foglie, gli steli, i tuberi, le radici delle piante erbacee ed i frutti davano il loro apporto di vitamine e di sali minerali. Molte erbe, drupe e bacche, venivano consumate crude, più saporite e con le proprietà integre, altre le si cucinava, dopo averle pulite e lavate. Ne mancavano mai in cucina le erbe aromatiche, che oltre a rendere più saporito il cibo, avevano anche proprietà medicamentose per prevenire molti disturbi fisici e mentali. Un capitolo intero del libro, è dedicato alla menta, all’aglio, al basilico, alla cipolla, alla salvia, al rosmarino, all’origano, senza trascurare l'uso che se ne faceva di alcune nei riti religiosi, in determinate festività ed a scopo medicamentoso. Oltre a quelle spontanee, che le nonne conoscevano certamente bene, tra cui le bietole, le cicorie, i cardi, i finocchietti, il crescione, la borragine, il rafano, per citare le più comuni, che sapevano dove andare a prenderle e quali parti adoperare in cucina, erano anche a conoscenza delle loro proprietà medicamentose e delle dosi che occorrevano per curare, o alleviare, certi disturbi, utilizzando le parti più adeguate come le radici, il tronco, la corteccia, le foglie, i fiori e i frutti.

9788860180247
4 Articoli
2021-11-08

Scheda tecnica

Artista / Autore
Emanuela Campus
Artista / Autore
Sergio Campus
Tipo di pubblicazione
Saggio
Formati disponibili
Copertina flessibile
Condizione del prodotto
Nuovo